Tra i monti di giorno, sui tacchi la sera

Autore
Sarah Meraner
Data
06.05.2022

Tra i monti di giorno, sui tacchi la sera

Lo sapevate che la Val d'Ega è a due passi da Bolzano? Ebbene sì, ci vogliono appena 20 minuti per andare da Nova Ponente, Nova Levante e Collepietra al capoluogo dell'Alto Adige – dal Catinaccio e dal Latemar ai portici del centro, dalla baita al bistrot in Piazza Walther, dal rifugio alpino alla raffinata boutique. Perché tutto è relativo: quella che vista da un lato è la porta delle Dolomiti, vista dal lato opposto è la porta della città.

DIARIO DI UNA GIORNATA DI VACANZA AD ALTA QUOTA

ORE 07.00: SVEGLIAAAA!

Io e la mia amica Dani iniziamo la giornata con entusiasmo: vogliamo partire presto per non trovare troppa gente lungo il percorso. Dopo una ricca colazione, ci infiliamo le scarpe da trekking e siamo pronte per la nostra avventura: il Sentiero dei Pianeti ci attende! Cariche di energia raggiungiamo l’osservatorio astronomico di San Valentino di Sopra, punto di partenza di questa escursione che ci porterà a passeggio tra la natura e le stelle.

ORE 08.30: SI PARTE

Si preannuncia subito una giornata spettacolare. Il cielo sembra una tela, è di un azzurro intenso. Mentre respiriamo l’aria frizzante del mattino, riconosciamo subito un profumo speciale: sa di rugiada e di libertà. Così come avvertiamo fin dai primi passi la sensazione di fluttuare in uno spazio immenso, senza confini. Se non qui, dove?! L’astrovillaggio è un percorso della durata di tre ore che replica le proporzioni del sistema solare in scala 1:1 miliardo. Una passeggiata nel verde della Val d’Ega, ma anche un viaggio interstellare alla scoperta dei pianeti dell’universo!

ORE 10.00: EFFETTO WOW!

L’occhio e la fotocamera si meravigliano in continuazione e catturano la bellezza che ci circonda. Impariamo tante curiosità sul nostro sistema solare. Dopo Mercurio, Venere e la Terra, seguendo il segnavia n° 5, il sentiero prosegue attraverso il bosco. Saturno svetta vicino al maso Malgeier: da qui, la vista sulle Dolomiti è uno spettacolo che ci emoziona talmente tanto che per qualche minuto restiamo in silenzio ad ammirarlo, con le bocche spalancate.

ORE 11.00: CARPE DIEM!

Ci muoviamo con calma attraverso un labirinto di foreste, biotopi e prati. Dopo aver visitato Urano nei dintorni della pensione ristorante Lärchenwald, ci dirigiamo verso il punto più alto della nostra camminata: poco più in là ci aspetta Nettuno. Camminiamo poi fino al maso Tschigghof per raggiungere Plutone, il pianeta nano: qui si apre uno scorcio spettacolare, e anche stavolta ci fermiamo qualche istante per contemplarlo. È quasi ora di tornare all’osservatorio, ma prima ne approfittiamo per gustare i sapori della cucina altoatesina: al ristorante Unteregger ordiniamo dei gustosi canederli e una fetta di strudel, tutto fatto in casa.

ORE 14.00: SIESTA!

Dopo il pranzo torniamo di nuovo in albergo per una doccia rinfrescante e per una breve pausa: più tardi abbiamo in programma di fare un giretto in città, a Bolzano.

SPENSIERATEZZA IN CITTÀ

ORE 16.00: WE LOVE SHOPPING!

Con la mia amica Dani ci lasciamo le montagne alle spalle: in direzione città con tacchi e vestiti estivi. L’autobus è comodissimo, parte ogni ora da Collepietra e arriva a Bolzano in soli 27 minuti. Una volta arrivate, passiamo due ore spensierate sotto i portici tra vetrine e shopping, passeggiamo in Piazza delle Erbe dove compriamo frutta fresca alle bancarelle del mercato e ci lasciamo trasportare dal dolce
trambusto di questa coloratissima città.

ORE 18.00: CIN CIN!

La giornata non può finire senza aperitivo! Ci sediamo in un bar del centro storico in Piazza Walther, riscaldate dal calore del sole al tramonto. Gli ultimi raggi prima della sera sono davvero piacevoli: lasciamo che illuminino i nostri sorrisi, mentre brindiamo felici a noi. Cin cin!

Sarah Meraner

è la responsabile Digital Storytelling di clicktext, l’agenzia altoatesina di Corporate Content e la blogger di “Geschichten im Kopf”. Sarah capta le emozioni con tutti i sensi e racconta il mondo con le parole. Con le storie. E con le immagini.

È la fuoriclasse delle traduzioni e la voce narrante per il pubblico italiano: Serena Schiavolin è la responsabile Translation & Italian Content di clicktext, l’agenzia altoatesina di Corporate Content. Serena aggiunge ad ogni storia un inconfondibile tocco di italianità.